Libro cartaceo VS e-book: cosa scegliete?

kindle-381242_1920

Argomento ostico, per il quale so di spargimenti di sangue e rotture di amicizie fuori dall’entrata di diverse librerie.

Con l’avvento della tecnologia e-ink – quella usata negli schermi degli e-reader, che punta ad assomigliare alla carta stampata ma con inchiostro elettronico – sono tanti i lettori che hanno optato per l’acquisto di libri digitali, o e-book.

Il costo, la comodità di trasportare un’intera libreria in tasca.. sono tanti i motivi che hanno fatto scegliere pure a me di acquistare un e-reader – per la precisione, un Kobo Aura.

E voi invece? Cosa preferite e per quali motivi? Fatemelo sapere nei commenti e rispondendo al sondaggio qui sotto!

Qui sotto trovate la mia piccola recensione del Kobo Aura, che avevo scritto più di un anno fa in un altro blog: liberi di saltare ai commenti 🙂

kobo-aura-lead-press

Sono da poco più di un mese un felice possessore dell’ereader Aura di Kobo. L’ho acquistato proprio quando Amazon lanciava il suo nuovo Paperwhite, e l’indecisione mi ha fatto passare ore a leggere e vedere video di recensioni su questi due lettori.
Ma perché alla fine ho scelto proprio quello?
Da quando il mondo dell’editoria cartacea è stato affiancato dai libri digitali, gli ebook, sono sempre stato restio ad avvicinarmi a questo nuovo tipo di libri. Li trovavo estremamente freddi, e non pensavo riuscissero a trasmettere quella sensazione che si assapora sfogliando un libro vero e proprio. E ho continuato ad acquistare i romanzi in libreria, a prezzi non proprio contenuti (oramai viaggiano a quasi 20 euro). Il problema non si pone se siamo abituati a leggere a malapena i titoli del quotidiano, ma quando ci si trova a voler leggere anche più di un libro al mese, la spesa si fa non indifferente.
E gli ebook costano meno della metà.
Cosi dopo ormai qualche anno dall’uscita dei primi ereader, mi sono deciso ad acquistarne uno.
Amazon devo ammetterlo, mi ispirava molta più fiducia, per il suo rinomato servizio di assistenza al cliente. E in più introduceva una nuova tecnologia di schermo, che avrebbe dovuto rendere ancora migliore la lettura.
Ma il Kobo, a mio parere, ha quel qualcosa in più.
Sara per l’aspetto estetico, che offre una cornice molto più stretta del Kindle, rendendo la dimensione più contenuta, insieme a uno schermo a livello con la cornice stessa, senza lo scalino che invece è presente negli altri lettori.Il retro poi presenta una superficie lavorata ruvida, che in mano lo rende estremamente comodo.

 Come non aggiungere poi la superiore memoria interna, perfino espandibile tramite scheda ( si questo devo ammetterlo è del tutto inutile dato il peso veramente basso di un libro e il fatto che onestamente, i PDF queste tavolette faticano a farteli leggere per bene).

Altro punto di forza sono le finiture, col Kindle che da più quello sgradevole effetto “plasticone”, e l’Aura invece più curato nei particolari e dal lato costruttivo.
La batteria come per tutti gli ereader è quasi infinita, e non da alcun tipo di problema (dopo più di 15 ore di lettura ne avevo ancora metà).
Il Kobo ha poi il pregio di leggere nativamente tutti i tipi di ebook disponibili, mentre il Kindle necessita di una (seppur veloce) conversione di formato.

 Non mi sono addentrato in aspetti tecnici, che si possono trovare tramite una semplice ricerca su google, ma mi sono limitato ad una mia opinione, condivisibile o meno.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...